Lun. Giu 14th, 2021

CRIPTOVALUTE 24/7

Il nuovo punto di riferimento online per le criptovalute

Downtrend delle criptovalute fra ripresa e governi

3 min read
Downtrend delle criptovalute grafico con BTC e frecce profit a loss

L’attuale e pesante downtrend delle criptovalute segue una fase euforica, caratterizzata da una lunga serie di record assoluti. Per questo appare più impressionante. In realtà era prevedibile. Perché stiamo assistendo a un inizio di parziale ripresa economica, accompagnata da crescenti preoccupazioni da parte di varie amministrazioni inerenti i crypto asset.

Il downtrend delle criptovalute e la ripresa economica

All’inizio della pandemia si era verificato un downtrend delle criptovalute particolarmente ripido. Infatti molte monete virtuali avevano toccato i minimi di prezzo proprio nel marzo 2020. Poi, nonostante l’aggravarsi dell’emergenza sanitaria, gli investitori, in fuga dai mercati in rosso profondo e in cerca di alternative, avevano cominciato ad entrare nel settore.

Tra FOMO e good news, con la complicità della liquidità frutto delle politiche monetarie e dei vari sussidi, ecco così che il mercato aveva ripreso a fiorire a ritmo vertiginoso.

La crescente domanda ha generato conseguenze ancora visibili nonostante l’attuale downtrend delle criptovalute. L’adozione sempre più diffusa dei tokens è persino sfociata nella promozione di bitcoin a valuta ufficiale in Salvador. E sono in molti a pensare che vari Stati, afflitti da instabilità valutaria, potrebbero seguirne l’esempio.

Però la ripresa economica, a lungo auspicata, comincia a vedersi. A macchia di leopardo, ovviamente. La Cina in questi giorni ha il suo principale scalo commerciale, Shenzen, bloccato per un focolaio del coronavirus. L’India vede la recrudescenza peggiore della pandemia. Il Brasile e in generale l’America Latina contano complessivamente migliaia di morti al giorno.

Ma in Europa e Nord America la situazione continua a migliorare. Le Borse danno segnali di ripresa e l’oro anche. Le criptovalute devono quindi competere con altri asset di nuovo appetibili. Molti investitori stanno chiudendo le loro posizioni nel crypto mercato per aprirle altrove, dove i rischi sembrano minori e il bullish trend plausibile.

In futuro, con un rialzo più marcato dei mercati regolamentati, questa tendenza potrebbe accentuarsi.

La discesa delle valute virtuali e i governi

Per molti governi le valuti digitali decentralizzate sono inaffidabili, sia come mezzo di pagamento che come riserva di valore. Questo a causa della loro volatilità. Questa visione negativa si rafforza con la consapevolezza (innegabile) che bitcoin e altri tokens come monero facilitino i traffici illegali sul deep web.

Da qui le misure che stanno prendendo alcuni paesi importanti come per esempio la Cina. Gli USA dovrebbero seguire a breve, stando alle dichiarazioni che man mano rilascia il segretario al Tesoro Yellen, oppure provenienti dalla SEC. La Presidentessa della BCE Christine Lagarde è un’altra figura chiave ostile alle criptovalute.

Il dispendio energetico delle blockchain PoW non aiuta. In futuro questa caratteristica potrebbe incidere con impatto anche maggiore.

Altrove, nonostante il downtrend delle criptovalute, accade l’inverso. L’India lo dimostra: nel 2020 ha rivisto la propria posizione anti-crypto asset.

Il rapporto fra la politica a livello globale e le valute virtuali è insomma spesso avverso e mutevole. Del resto queste ultime sono competitors (per ora più che altro potenziali) delle divise fiat, e più si diffondono, più aumenta la loro capitalizzazione, più attireranno intenti normativi in senso restrittivo.

Quanto grande sarà l’impatto sul settore? Per ora abbiamo visto che il downtrend delle criptovalute, a ogni dichiarazione negativa dei big della politica mondiale, si accentua. La congiuntura con la ripresa economica sembra quindi poter affossare questo mercato.

Ma una speranza c’è. Ripresa significa aumento di capitali, e le crypto potrebbero beneficiarne. Regolamentazione, come già sottolineato in precedenza, significa forse rinnovare il settore rendendolo interessante pure per gli investitori dissuasi oggi dalla fama nera dei tokens. In conclusione, oggi a prevalere è l’incognita del futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comodo SSL

criptovalute247.it usa i Cookies per migliorare la qualità della navigazione sul nostro sito. Se prosegui con la navigazione acconsenti all'uso e alla memorizzazione dei cookies sul suo computer, ma puoi sempre NEGARE IL CONSENSO. Approfondisci

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi