Sab. Nov 28th, 2020

CRIPTOVALUTE 24/7

Il nuovo punto di riferimento online per le criptovalute

Criptovalute ed elezioni USA: meglio Biden o Trump?

2 min read
criptovalute ed elezioni USA: immagine della bandiera statunitense

Oggi è il 4 novembre e il rapporto fra criptovalute ed elezioni USA interessa molti investitori. La posizione dell’amministrazione americana nei prossimi 4 anni infatti potrebbe incidere fortemente sulla classificazione e il prezzo dei tokens digitali.

Al momento mancano dati certi per poter effettuare pronostici attendibili. I risultati delle presidenziali sono tuttora incerti. Se diventeranno decisivi i voti postali, e sembra proprio che sarà così, potrebbero passare giorni prima di capire chi diventerà il nuovo Presidente americano.

Anche la relazione fra criptovalute ed elezioni USA è un’incognita. Ambo i candidati però non sembrano crypto-friendly.

Criptovalute ed elezioni USA: le posizioni di Trump e Biden

Donald Trump ritiene che le monete crittografiche non siano denaro, e che la loro eccessiva volatilità le renda inadatte al ruolo di investment assets. Il progetto Libra non è mai decollato proprio per l’opposizione dell’amministrazione guidata da lui.

Joe Biden non possiede bitcoin, come lui stesso ha dichiarato. Se venisse eletto aumenterebbe la tassazione per i redditi importanti; appare plausibile che vi rientrerebbero anche quelli derivati dal trading sulle criptovalute, almeno una volta che i gains siano convertiti in dollari.

Va poi aggiunto che i dem sono storicamente più propensi ad una politica di tutela degli investitori retail; il che condurrebbe probabilmente ad una regolamentazione del crypto settore. Difficile prevedere come si tradurrebbe questo nella realtà.

Da un lato potrebbero entrare in vigore normative più restrittive sulla detenzione e uso delle criptovalute, ma dall’altro potrebbe verificarsi un ampliamento del mercato dei derivati con i tokens come sottostante.

Un ulteriore fattore in grado di esercitare la sua influenza nell’atteggiamento americano, chiunque sia il vincitore, sarà la politica verso le monete crittografiche adottata in aree estere cruciali. In primis la Cina e l’Europa. Più che per i tokens “classici” vale per le CBDC. Una volta accertato l’impatto che possono avere a livello finanziario osservando l’esperienza cinese ed europea, infatti, gli Stati Uniti potrebbero decidere di lanciare un dollaro digitale.

In conclusione, ora come ora la relazione fra criptovalute ed elezioni USA risulta ancora tutta da scoprire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comodo SSL

criptovalute247.it usa i Cookies per migliorare la qualità della navigazione sul nostro sito. Se prosegui con la navigazione acconsenti all'uso e alla memorizzazione dei cookies sul suo computer, ma puoi sempre NEGARE IL CONSENSO. Approfondisci

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi