bitcoin

Come comprare Bitcoin

Le continue oscillazioni della sua quotazione, hanno permesso al Bitcoin di continuare a monopolizzare l’attenzione dell’opinione pubblica nel corso degli ultimi mesi. La criptovaluta creata da Satoshi Nakamoto è ormai un vero e proprio caso, anche per le continue polemiche che continua a suscitare, tra le accuse di essere uno strumento perfetto per l’economia criminale e le evidenti preoccupazioni di alcuni governi. In particolare quelli di Pechino e Parigi accusano neanche in maniera velata le divise digitali di essere un puro strumento speculativo, alla stregua dei derivati. La crescita di curiosità intorno al fenomeno ha però avuto come conseguenza un suo aumento di popolarità, con molti potenziali investitori pronti ad acquistare Bitcoin. Come fare?

Un passo propedeutico: acquistare un wallet

Prima di acquistare criptovalute, occorre però provvedere a dotarsi di un portamonete elettronico, un wallet, delegato ad accoglierle e quindi ad evitare i problemi che possono derivare dalla loro eventuale perdita (è successo a più di un utente non molto avveduto).
Una volta provveduto all’operazione, occorre anche cifrare il portamonete, ovvero metterlo in sicurezza e impedire che estranei possano entrarci e svuotarlo. Inoltre è necessario crearne una copia di sicurezza, proprio per cautelarsi di fronte ad ogni evenienza.

Iscriversi ad un exchange

Altra precisazione che va fatta preliminarmente, è quella relativa al mining, ovvero al processo che porta al varo della criptovaluta, che nel caso del Bitcoin non conviene assolutamente, in quanto comporterebbe un impiego di energia elettrica eccessivo.
Il modo migliore per acquistare Bitcoin, una volta stabilito in via preliminare questo dato di fatto, è l’apertura di un account presso uno dei tanti exchange che sono sorti all’uopo in rete. Si tratta di siti che consentono appunto di cambiare valute FIAT (ad esempio i dollari o l’euro) con Bitcoin e i più famosi sono Bitfinex, Binance, Bittrex, Poloniex, Bithumb e CoinBase.

Metodi alternativi: gli ATM

Va però ricordato che nel passato più o meno recente alcuni exchange sono stati oggetto di clamorosi fallimenti, a seguito dei quali gli utenti iscritti hanno perso tutto ciò che avevano investito. Proprio per questo molti utenti non si fidano di questi siti e sono alla ricerca di metodi di acquisto alternativi. Tra i quali la scelta è in pratica limitata all’ATM, una sorta di bancomat, costituito da uno scanner, un dispensario di contanti e un computer per gestire le transazioni. Si tratta di uno strumento che però in Italia non è ancora molto diffuso.





Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*
*