bitcoin

Bitcoin e CIA: un approfondimento




bitcoin e CIA

Bitcoin e CIA: un approfondimento

Bitcoin e CIA? Il Bitcoin è stato creato dalla CIA? Nel corso degli ultimi mesi il Bitcoin, la moneta virtuale più famosa in assoluto, è stata ripetutamente al centro dell’attenzione, dando vita ad una discussione in cui l’opinione pubblica si è divisa in due schieramenti fieramente contrapposti. Da una parte chi afferma che si tratti di uno strumento in grado di garantire le attività criminali, in particolare favorendo il lavaggio di capitali di illecita provenienza, dall’altra chi invece è convinto che possa costituire un valido strumento per le transazioni che ogni giorno avvengono sul web.




Le accuse di Natalia Kasperskaya

Nelle ultime settimane, però, in una discussione sempre accesa è arrivata come il classico sasso nello stagno la dichiarazione di Natalia Kasperskaya, la cofondatrice di Kaspersky Lab e attuale presidente della società InfoWatch. E’ stata proprio lei a destare grande clamore nel corso della lezione tenuta all’apertura del centro didattico presso l’Università delle Tecnologie dell’Informazione, Meccanica e Ottica, di San Pietroburgo, con una dichiarazione poi rilanciata da Sputnik News. Secondo la Kasperskaya, infatti, il Bitcoin sarebbe soltanto un progetto lanciato dalla CIA in modo da poter finanziare nel modo più rapido possibile le attività dei servizi segreti di USA, Regno Unito e Canada in diversi Paesi esteri. Bitcoin e CIA per alcuni sembrano essere profondamente connessi.




Il dollaro 2.0

Sempre in base a quanto affermato dalla Kasperskaya, il Bitcoin sarebbe stato congegnato alla stregua di un “dollaro 2.0” e il suo creatore, noto universalmente con l’ormai celebre pseudonimo di Satoshi Nakamoto, non sarebbe altri che il capo di un team di programmatori americani specializzati in sistemi di crittografia.
Una denuncia, quindi, in grado di spostare sensibilmente la discussione sulle criptovalute, rendendole di fatto un’estensione sul web della nuova guerra fredda scoppiata nel corso degli ultimi anni.

 

La risposta russa

Proprio le parole della Kasperskaya sembrano a loro volta la migliore spiegazione delle notizie provenienti da Mosca, che vedrebbero un Putin intento a spendersi per la creazione di una criptovaluta russa, la cui funzione sarebbe quella di aggirare le sanzioni occidentali e attrarre investimenti dall’estero in nodo da rilanciare l’economia del gigante orientale. Lo stesso Putin si sarebbe peraltro già incontrato con Vitaly Buterin, il creatore di Ethereum, considerato il logico contraltare di Bitcoin, per porre le basi del suo ambizioso progetto. Bitcoin e CIA: un argomento che tornerà sulle pagine del nostro sito.




Criptovalute e politica: un’analisi




3 thoughts on “Bitcoin e CIA: un approfondimento”

  • I rapporti tra criptovalute e politica - CRIPTOVALUTE 24/7 February 20, 2018 at 6:24 pm

    […] Il Bitcoin è stato creato dalla CIA? […]

    Reply
  • Criptovalute e crimine - CRIPTOVALUTE 24/7 February 23, 2018 at 8:24 am

    […] Il Bitcoin è stato creato dalla CIA? […]

    Reply
  • dove comprare bitcoin April 30, 2018 at 11:42 pm

    Ciao, bellissimo post complimenti, ti seguo già da parecchio e questo è il mio primo commento, comunque ho due domande da chiederti:
    1) Mi consigli qualche sito come questo >http://bit.ly/bitcoingratis2018 per fare bitcoin gratis?

    2) Se ne conosci qualcuno anche per DOGE Coin simile a questo qui.
    Te lo chiedo perchè alla fine si riesce a
    tirare su una notevole somma al mese con questo sito ma
    ne servirebbe uno per DOGE Coin visto il boom che dicono
    che ci sarà.
    Ti ringrazio ancora per il tuo tempo e buon blogging 😀

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*
*